Corsa ad ostacoli per chi vuole proporre idee. Perché fa paura la partecipazione?

«Nel periodico comunale d’informazione “Colognola ai Colli notizie” sono pubblicate […] le lettere al giornale di singoli cittadini, gruppi organizzati, associazioni operanti sul territorio comunale, su temi amministrativi o sociali di interesse collettivo, nonché le relative risposte da parte degli Amministratori interessati o delegati»

«La consegna degli articoli al Comitato di Redazione dovrà avvenire entro la data fissata, nel precedente numero»

Pubblichiamo la lettera inviata da Mattia Da Re al giornalino comunale “Colognola ai Colli Notizie”. La lettera, pur rispettando quanto previsto dal Regolamento per la Pubblicazione del Giornale Comunale Colognola ai Colli Notizie, non è stata pubblicata e non sono state date spiegazioni in merito.

colognola ai colli notizie

CORSA AD OSTACOLI PER CHI VUOLE PROPORRE IDEE.
PERCHÉ FA PAURA LA PARTECIPAZIONE?

Come molte cittadine e molti cittadini sapranno, Colognola Eretica ha dato il via ad una raccolta firme su quattro petizioni popolari per la trasparenza, la partecipazione e la tutela del territorio.

Con la petizione per gli Strumenti di Partecipazione Popolare, si intendeva sollecitare l’amministrazione a stabilire il regolamento necessario per permettere alla cittadinanza di presentare le “delibere di iniziativa popolare” previste dallo Statuto Comunale.

Dopo alcuni mesi dalla nostra richiesta al sindaco, senza aver ricevuto risposte concrete, abbiamo deciso di partire con la raccolta firme. Contemporaneamente, in Consiglio Comunale, si è deciso di affrontare la stesura del regolamento. Come? Semplicemente ponendo ostacoli procedurali: per presentare una delibera di iniziativa popolare serviranno infatti oltre 300 firme autenticate, ovvero apposte in presenza di assessori, notai, cancellieri dei tribunali o consiglieri e impiegati comunali delegati dal sindaco. La nostra proposta prendeva spunto dallo statuto del comune di San Pietro in Cariano che, responsabilizzando i presentatori delle proposte, prevedeva l’autocertificazione delle sottoscrizioni.

Da noi purtroppo non sarà così, non basterà che il cittadino firmi e ci metta la faccia, sarà necessario far autenticare la firma da qualcuno che garantisca che “sei veramente tu”….a Colognola ai Colli, dove si conoscono vita, morte e miracoli di tutti.

Poi ci si lamenta perché la gente si allontana dalla politica, perché non si sente coinvolta e non partecipa; BISOGNEREBBE STENDERE UN TAPPETTO ROSSO AI PIEDI DELLE CITTADINE E DEI CITTADINI CHE VOGLIONO PARTECIPARE, CONOSCERE, PROPORRE e invece si costruisce un labirinto istituzionale, che soffoca sul nascere la partecipazione.

La politica resta nelle mani di pochi politicanti che non si fidano di TE, mentre TU dovresti fidarti di LORO!

Mattia Da Re

Advertisements

2 risposte a “Corsa ad ostacoli per chi vuole proporre idee. Perché fa paura la partecipazione?

  1. una vergogna!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...